Newsletter Formazione Spa 28/04/2020

Newsletter Formazione Spa 28/04/2020

Newsletter Formazione Spa

Terza edizione della Newsletter settimanale di Formazione Spa nella quale verrà analizzato il Fondo Ripresa Trentino. Oltre a questo vedremo quando le spese per le manovre di contenimento del Covid-19 all’interno delle aziende creeranno un’opportunità per il Credito d’Imposta e infine proporremmo un’intervista ricca di interessanti spunti rilasciata da Maurizio Chiappa, esperto formatore e progettista europeo.

News

Fondo Ripresa Trentino: tramite la delibera della Giunta provinciale di Trento del 26 marzo 2020 è stata attivata una linea di finanziamenti pari a 250 milioni di euro in favore delle imprese e dei lavoratori autonomi che sono stati danneggiati dell’epidemia di COVID-19. Oltre a questo è stata decisa la sospensione dei mutui in essere, allungando il periodo di rimborso. Lo scopo di questi due interventi è quello di far fronte alla carenza di liquidità delle imprese trentine, favorendo la ripresa economica. Per ulteriori informazioni sui contatti a cui rivolgersi in merito vi invitiamo a visitare il sito della Provincia autonoma di Trento al seguente link.

Il Credito d’Imposta in relazione alle misure di prevenzione al COVID-19

Le misure sulla sicurezza dell’art. 30 riportate nel D.L. 8 aprile 2020, n. 23 ( il decreto “Liquidità Imprese” anti-Coronavirus) prevedono che tutti gli acquisti di dispositivi di contenimento del contagio da COVID-19 nei luoghi di lavoro formeranno credito d’imposta, al fine di incentivarne la loro acquisizione.
Esso trova applicazione nei limiti di spesa complessivi previsti per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici e a garantire le distanze di sicurezza interpersonale.
Per ulteriori informazioni a riguardo ti invitiamo a contattare l’indirizzo stefano.schena@formazionespa.it.

 

L’intervista

Maurizio Chiappa Formazione spa
Questa l’intervista a Maurizio Chiappa, esperto formatore e progettista europeo.

 

“Ciao Maurizio, come stai vivendo questo periodo? Riesci a svolgere il tuo lavoro anche da casa?”
“Devo dire che sto vivendo abbastanza bene fino ad adesso, anche se un mese è un periodo breve per fare valutazioni generali: allungando i tempi penso sarà più difficile mantenere la qualità di alcune attività professionali. Al momento riesco comunque a svolgere da casa la principali mansioni anche se manca forse un po’ di circolazione orizzontale delle informazioni. Si riesce ad avere rapporti professionali ma manca spesso il valore dei gruppi di lavoro e del confronto”.
“Visto il tuo lavoro che ti mette a contatto con vari Paesi europei, pensi che l’emergenza in Italia sia stata affrontata in modo coerente con quanto sta avvenendo altrove?”
“Penso che tutti in questo periodo stiano guardano all’Italia come pioniere e prendano spunto da essa, ma allo stesso tempo stiano sovrastimando i problemi che ci sono da noi. Quando ricevo chiamate dall’estero l’idea che vi è del nostro Paese è quella che vi sia un’epidemia in atto, forse anche esagerando”.
“Quali pensi siano infine gli insegnamenti più preziosi e di cui dovremmo far tesoro quando si tornerà alla normalità?”
“Penso che l’insegnamento più prezioso sia la sobrietà. Abbiamo visto quante cose non erano affatto essenziali per stare bene e dalle quali si potrebbe discernere usando così meno risorse. Quando potremo tornare a fare tutto dovremo essere bravi a non tornare a fare troppo.”
Condividi con
Facebook
LinkedIn